Comportamento ed educazione

Educazione

Lo studio del comportamento animale ci aiuta a comprendere meglio il mondo in cui viviamo ed è fondamentale per capire i nostri pet ed il modo in cui comunicare con loro. Qui troverete tutte le informazioni per educare il vostro pet e capirne il comportamento.

Troppo amore non fa bene al cucciolo

Quando il padrone affettuoso si prodiga in cure materne oltre il tempo dovuto, egli rivela le sue insicurezze, le sue paure, quanto cioè è sprovveduto di fronte ai bisogni e ai desideri del cucciolo. L’amore non basta per crescere un cucciolo. Per crescerlo e, quindi, per educarlo occorre tenere conto del suo carattere, dei suoi desideri, delle sue inclinazioni. E specialmente del suo bisogno di diventare autonomo per realizzare il proprio progetto di cane adulto equilibrato, sicuro e felice di stare nel mondo. Come il frutto si stacca dall’albero quando è maturo, così il cucciolo deve staccarsi – a tempo debito e con la dovuta progressione – dalla madre/dal proprietario quando è maturo.

Le cure premurose che circondano il cucciolo sono cariche di amore, di un amore apprensivo a volte ossessivo, che esorbitano le contingenze dei bisogni primari, del non più necessario bisogno di protezione bensì di autonomia, che si raggiunge attraverso il distacco dalla madre/dal padrone per aprirsi alle esperienze del mondo e imparare ad affrontare gli scacchi, gli insuccessi, le frustrazioni, le delusioni che arricchiscono la mente e il cuore del cucciolo negli infiniti e imprevedibili percorsi della vita.

Il ruolo genitoriale del proprietario, invece, pervade tutto l’arco della vita del cucciolo che diviene adulto e poi vecchio, costituendo il modello relazionale primario – se non esclusivo – eludendo gli altri ruoli, quelli di cui più ha bisogno un cane non più cucciolo e non ancora vecchio: quello di alleato, di compagno, di partner. È una gabbia relazionale che apparentemente costringe il cane a vivere nella dimensione infantile, ma è solo un pregiudizio del proprietario, perché, in effetti, è una rappresentazione della relazione cane-uomo che è vissuta dal proprietario-genitore oltre l’esigenza fondamentale dello sviluppo del cucciolo, ma che invece nella realtà è sperimentata dal cane come una privazione di esperienze e di competenze, che è alla base di vari deficit psico-comportamentali, come le paure, le basse soglie di eccitabilità, l’assenza di regole sociali e di autocontrolli.

Il solo desiderio di avere un cane, l’amore con cui se ne prende cura non sono un motivo sufficiente per garantirgli agio e benessere, ci vuole rispetto e capacità di accoglienza per contrastare la tendenza a idealizzarlo, una situazione che comporta dei rischi di cui bisogna acquisire consapevolezza, se si vuole preservare il cane da sofferenze e dagli abbandoni e se si vogliono evitare le aggressioni, definite spesso inspiegabili.

L’amore narcisistico verso il proprio cane è frutto della preoccupazione di lenire le proprie ansie, di placare le insicurezze, se non il bisogno di sentirsi considerati, voluti bene. Quest’amore acceca, fa vedere un cane idealizzato e non rende possibile l’accettazione del cane reale con i suoi bisogni e con i suoi desideri. Il vero amore per il proprio cane è quello vissuto nella piena consapevolezza della sua reale dimensione psicologica, non distorto dalle false aspettative (“Il mio cane mi sarà sempre riconoscente”), dalle infondate illusioni (“Il mio cane ha morso? È una cosa impossibile”), dall’involontaria proiezione dell’inconscio (“Il mio cane ama vivere in casa”).

Gaspare Petrantoni

Medico veterinario comportamentalista

cane, cucciolo, educazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi saperne di più sul mondo degli animali?

Sentiti libero di chiederci quello che ti va. Usa la chat in basso a destra per avviare una conversazione con noi oppure scrivici una mail cliccando sul pulsante contattaci.
Citazione della settimana
Non ci crederete, ma esistono stati sociali dove i governanti sono i più intelligenti. Per esempio tra i babbuini.
Konrad Lorenz

© 2020 Animal Blog. Tutti i diritti riservati. Designed by Ideology Creative Studio.
Privacy Policy